ready to lead – terza giornata

obama è arrivato a denver. tempo di fare capolino – anche lui come noi proprio all’ultimo – al pepsi center, alla fine del discorso di biden.

non è un gran che, come oratore, questo biden. ma ha fatto la sua parte. convincente su barack, forte contro mccain, con una serie di obama was rigth, mccain was wrong su politica estera, soprattutto, ed economia. la sua migliore battuta il lapsus con cui ha chiamato mccain george. serve da pungingball, sta là a coprere le spalle, a parare i colpi, a non prenderle e a non perdere voti. poi le elezioni dovrà vincerle obama, da solo più che mai.

e poi, di biden, hanno raccontato bene la storia, dall’incidente al lungo lavoro di senatore, e la famiglia, con moglie, figli – bella l’introduzione del rampollo – nipoti, mamma direi almeno novantenne.

“obama is ready to lead.” la frase che si attendeva ieri da hillary l’ha concessa bill. un discorso senza troppo sforzo, mi è parso, ma che dimostra ancora una naturalezza carismatica, i tempi giusti, le batture, le frasi ripetute. libero ormai anche dall’impiccio di dover far eleggere la moglie (la mia idea è che in cambio del eprdono per monica hillary gli abbia chiesto, a suo tempo, di farla eleggere presidente!..) è davvero una forza, è ancora un leader.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...