last night in chicago

ieri, a chiudere la parentesi di chicago, di ricerca di segni obamiani, e di vacanza, cheezborger e birre, come sotto, con i fratelli moffo, chris e mike, e brad, loro amico e collega. lavorano per obama, sono nuovi amici di maura e vecchi di raffaello matarazzo.

serata davvero piacevole, a chiacchierare di obama, delle nostre impressioni da italiani in gita, delle loro convinzioni profonde – senza poi troppe differenze – della forza di un leader, della speranza di farcela, delle differenze tra politica italiana e americana, della difficoltà di cambiare le cose, della voglia di provarci … di dc e pci, di berlinguer e clinton … di calabria e new jersey …. e di musica italiana, con il juke box che suonava 883 e ramazzotti (!! ??), e moffo broth e sattaflores che cantavano, e io che mi vergognavo … calore americano, che sa di politica, di sfida in qualche modo comune. thanks to you.

don’t tell we can’t change

yes we can. così ha chiuso obama il discorso di vittoria. così gli urlavano in coro intorno. questa volta, poi, l’ha detto chiaramente:
theese elections are about the past vs the future.
that’s the point, dicevamo.

Victory Speech

today endorsement

  • febbraio: 2017
    L M M G V S D
    « Set    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728